«

»

Dic 11

Energy drink: si, no…boh!

Hanno negli ultimi anni conquistato il mondo con i loro pubblicizzati poteri antiossidanti ed energizzanti, ma davvero gli energy drink sono così sani e miracolosi? Davvero sono da preferire a tè verde, ginseng e vitamine dietro di loro c’è soltanto una grossa potenza del marketing e della moda più in generale? Volete capirne di più insieme a me?

energyHo trovato una ricerca effettuata in California che non alcun dubbio: l’unica sostanza contenuta in queste bevande energizzanti è la caffeina, in quantità che sono pari a 2 tazze di caffè circa. Gli effetti energizzanti sono facilmente intuibili e sono gli stessi che rendono gli energy drink così apprezzati dai giovani. E’ proprio grazie a queste bevande, spesso mixate con alcolici, che molti giovani riescono a far l’alba girando tra locali e discoteche. Nulla di male, per carità, infondo sono giovane anche io e red bull e vodka alla fragola è il mio cocktail preferito ma…c’è un ma! Gli energizzanti non danno energia grazie al mix di vitamine ed erbe, questa fusione di sostanze, ad onor del vero non ha nessun potere energizzante! L’energia è legata solo ed esclusivamente alla caffeina, sostanza che in caso di abusi può provocare nervosismo, dolori di stomaco, insonnie, agitazioni. Questi sono quindi le più immediate controindicazioni di un prodotto che, dall’altro lato, permette di aumentare la resistenza fisica e psicologica di qualsiasi soggetto. Medesimi effetti anche sul fattore psicologico e notevoli miglioramenti sull’umore di chi fa uso di queste sostanze.

Alla luce di questo, voi avete una risposta alla domanda “ma gli energy drink sono da evitare?” Personalmente ritengo che l’abuso sia da evitare, degli energy come di qualsiasi altra cosa, E poi d’ora in avanti cercherò di associarli il meno possibile all’alcol. Il mix di queste sostanze favorisce infatti l’assorbimento dell’alcol  e potrebbe avere risvolti negativi su intestino e fegato.

Energy drink: si, no…boh!ultima modifica: 2015-12-11T15:22:06+00:00da carlotta-1984
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento