«

»

Giu 21

Dieta del week-end

Tra le motivazioni che portano molte diete al fallimento ci sono senza dubbio le tentazioni che la vita quotidiana ci offre, tra pause caffè e pranzi fuori casa. Per questo motivo e per andare incontro alle esigenze di tutti coloro che non vogliono sottoporsi ad estenuanti privazioni duranti la settimana, propongo oggi una dieta del “fine settimana”.weekend

Il programma è molto semplice. Il sabato prevede una colazione a base di tazza di caffp di orzo con una fetta biscottata meglio se integrale; a metà mattinata è invece consigliata una tisana depurativa. Arriviamo così senza troppe difficoltà al momento del pranzo. 50 gr di pasta integrale con pomodoro fresco e basilico e verdure a volontà, cotte o crude, dovranno essere consumate, meglio senza troppa acqua aggiunta. La frutta, come da più parti consigliato, dovrà essere consumato lontano dai pasti, e in questo caso per merenda consigliamo 2 frutti.

Proseguiamo a questo punto con la cena, consigliando il consumo di 120 gr di pesce grigliato accompagnato da verdure cotte a volontà e seguito da una tisana di soia. Prima di andare a dormire, è consigliato assumere una tisana delle sera.

Dopo un sano riposo, arriviamo così alla domenica. L colazione, come avvenuto nel giorno precedente, prevede una tazza di caffè di orzo e una fetta biscottata, mentre a metà mattinata non può mancare la tisana a piacere. Per pranzo consigliamo 30 grammi di riso alle ortiche e zafferano, seguiti da verdure cotte a volontà. A metà pomeriggio va bene un frutto  o una piccola macedonia, mentre per cena consigliamo 120 grammi di pesce al cartoccio accompagnate da verdure cotte.

Ricordate di bere almeno due litri di acqua al giorno e di ripetere questo regime alimentare per tutti i fine settimana e per due mesi circa, dovreste notare fin da subito dei miglioramenti.

E adesso…non vi resta che aspettare il prossimo fine settimana per mettere in atto quanto appena letto!

 

 

Dieta del week-endultima modifica: 2016-06-21T13:51:07+00:00da carlotta-1984
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento